Sexy video di Belen, invade il web

Sexy video di Belen per il servizio fotografico commissionato da Sportweek

Il Sexy video di Belen del servizio fotografico per Sportweek. La showgirl argentina posta su Facebook un breve filmato girato in acque caraibiche, e in men che non si dica diventa virale.

La sexy showgirl ci incanta ancora una volta, la sua bellezza ci impone di seguirla parlarne e condividerne i video. Gli uomini la desiderano le donne invece desiderano essere come lei, mamma e in perfette condizioni fisiche, nonostante una sua dichiarazione in cui ammetteva di essere fuori forma essendosi lasciata andare alle prelibatezze degli States… Ma si sa a noi qualche chilo in più fa sempre gola. Lei commenta così:

Anche le bellissime come Belen Rodriguez possono ingrassare. Ha spiegato di aver preso due chili durante il suo ultimo viaggio in America, dove si è recata per scattare la nuova campagna del marchio Guess. “Ho mangiato di tutto, devo dire che negli States ho preso due chili, fra hamburger e altre schifezze” ha confessato Belen al settimanale Chi ma la Rodriguez non è minimamente preoccupata della sua linea perché, come ha spiegato: “Tanto sono magra e al ritorno in Italia quei due chili li perderò per lo stress”.

Guarda il Sexy video di Belen

Fonte

Rivoluzione greca, ma i Tg hanno ordini di censurare

In Grecia è rivoluzione, ma i Tg hanno ordini di censurare la rivoluzione greca perché hanno paura di un contagio e che scoppi una rivolta in tutta Europa.

Sono ore drammatiche in Grecia, dove il popolo si e’ accampato sotto al parlamento per mandare avanti lsa Rivoluzione greca e protestare contro le misure di austerità dettate ancora una volta dalla Troika. Bisogna condividere! I mi piace non servono! I media vi stanno nascondendo ciò che sta accadendo in Grecia perché hanno paura di un contagio e che scoppi una rivoluzione in tutta Europa.

I rappresentanti del mondo dell’agricoltura hanno invaso le strade della capitale con mezzi pesanti agricoli paralizzando di fatto tutto. I media italiani tacciono impegnati a distrarre l’opinione pubblica con programmi televisivi spazzatura.

I manifestanti hanno tentato di entrare all’interno del palazzo ma la polizia li ha respinti usando gas lacrimogeni. Ad Atene si è realizzata una nuova giornata di proteste, scioperi e tensioni. Almeno un migliaio di coltivatori si sono ritrovati nella capitale ellenica in segno di protesta contro l’aumento delle tasse previsto dal Governo e contro la riforma delle pensioni, la cui misura più contestata è il taglio (dal 15 al 30%) per gli assegni dei pensionati che lasceranno il lavoro a partire dal 2016.

Sarebbe questo l’ennesimo provvedimento emanato ai danni dei pensionati greci negli ultimi sei anni. I sindacati di categoria denunciano che le misure richieste da Ue e Fmi porterebbero a un taglio del‘85% del reddito annuo di diversi attori sociali: in primis gli agricoltori.

Guarda i video:

Vedi la fonte per la Rivoluzione greca

Referendum Trivelle. Bugie e verità

Referendum Trivelle. Ecco le Bugie.

Ormai se ne dicono di ogni riguardo al Referendum Trivelle del 17 aprile, per chi ha le idee confuse abbiamo pubblicato questo piccolo gif, che vi aiuterà a capire meglio la situazione. Più che farvi i disegnini non sappiamo più che cosa fare…

QUINDI AL Referendum Trivelle VAI A VOTARE E VOTA SI!

via GIPHY

Oggi in Italia abbiamo 130 piattaforme marine da cui si prelevano gas e petrolio. E i pozzi marini collocati in prossimità della costa, cioè entro il limite delle 12 miglia – sui quali avrà eventualmente potere di agire la risposta referendaria, tra l’altro solo quando scadranno le concessioni – sono poche.

Tuttavia vorrei svolgere un tre considerazioni.

La prima. Si sottolinea che delle 26 concessioni produttive interessate dal quesito, solamente 4 prevedono l’estrazione di petrolio. E allora? Le altre sono meno pericolose? In Adriatico è stato finora registrato solo un grave incidente: accadde negli anni Sessanta, una fuoriuscita di metano dalla piattaforma Paguro al largo di Ravenna con conseguente incendio. Greenpeace inoltre ha di recente ha pubblicato uno studio realizzato dall’ISPRA, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca: mostra che tra il 2012 e il 2014 ci sono stati dei superamenti dei livelli stabiliti dalla legge per gli agenti inquinanti nel corso della normale amministrazione di alcuni dei 130 impianti attualmente in funzione in Italia.

La seconda. Gli stessi promotori del referendum hanno spiegato che in ogni caso l’inquinamento non è la priorità che ha reso necessario il Referendum Trivelle . La ragione principale, come è scritto sul sito del coordinamento no-triv, è politica: «Il voto del 17 Aprile è un voto immediatamente politico, in quanto, al di là della specificità del quesito, residuo di trabocchetti e scossoni, esso è l’UNICO STRUMENTO di cui i movimenti che lottano da anni per i beni comuni e per l’affermazione di maggiori diritti possono al momento disporre per dire la propria sulla Strategia Energetica nazionale che da Monti a Renzi resta l’emblema dell’offesa ai territori, alle loro prerogative, alla stessa Costituzione italiana».

Insomma l’intento è dichiarato: dare al governo un segnale contrario all’ulteriore sfruttamento dei combustibili fossili e a favore di un maggior utilizzo di fonti energetiche alternative. Dov’è la menzogna?
La terza. Sovente per condurre e magari vincere una battaglia di vasta portata è necessario agitare simboli e alzare vessilli. La storia è ricca di esempi. Malcom X forse non è stato uno stinco di santo, la sua figura resta tuttora controversa, ma le sue battaglie a favore dei diritti degli afroamericani e dei diritti umani in genere sono un’eredità importante. Andiamo più vicini ai nostri temi. La zoologa Dian Fossey ha adottato metodi non sempre ortodossi per combattere i cacciatori e i bracconieri locali, tuttavia il suo impegno per la salvaguardia dei gorilla di montagna resta cristallino. Anche Erin Brockovich ha usato metodi e un linguaggio poco ortodossi, questo però non le ha impedito di vincere la causa intentata contro la Pacific Gas & Electric, rea di aver contaminato con cromo esavalente le acque della città di Hinkley in California per oltre 30 anni, provocando tumori ai residenti.
Cosa c’entra tutto questo con le trivelle? Tutto e niente. Intendo però dire che le associazioni ambientaliste fanno il loro mestiere, che è poi quello di porre un argine al degrado del pianeta. E se ogni tanto agitano lo spauracchio del petrolio per destarci dal nostro torpore non mi scandalizzerei più di tanto. Nel nome dello stesso petrolio osservo ogni giorno cose ben peggiori.

Fonte

Marea nera in Tunisia – Il 17 aprile votate “SI AL DIVIETO DI TRIVELLAZIONI

Il 17 aprile votate “SI AL DIVIETO DI TRIVELLAZIONI

Non solo Brasile, non solo Golfo del Messico e California. L’ennesimo disastro ambientale si sta consumando a due passi dalle nostre coste e sta passando ancora una volta sotto silenzio. Mentre in Italia ci si interroga ancora sulla necessità o meno di votare al referendum sulle trivellazioni in mare, la Tunisia sta facendo i conti con una nuova marea nera a 120 km da Lampedusa.

Una fuoriuscita di petrolio è stata confermata a largo delle isole Kerkennah, uno degli habitat della Tunisia più ricchi di fauna selvatica. Le Kerkenna sono un gruppo di isole situato al largo di Sfax, sulla costa orientale della Tunisia, nel Golfo di Gabès. La perdita ha avuto origine nelle condotte sottomarine appartenenti alle Thyna Petroleum Services (TPS).

Parlando a MosaiqueFM, Ridha Ammar, amministratore delegato della New Society of Transport in Kerkennah ha confermato la fuoriuscita, dicendo che la spiaggia più colpita è quella di Sidi Fraj.

A scoprire la marea nera sulla spiaggia qualche giorno fa sono stati gli stessi isolani, che hanno poi avvertito le alle autorità locali.

Le immagini e i video del danno ambientale subito da uno dei più spettacolari habitat naturali della Tunisia hanno fatto il giro del web ma purtroppo sui media non se n’è parlato quasi per niente.

Ammar ha dichiarato che la fuoriuscita arriva dalla piattaforma di una delle società tunisine.

mappa Kerkennah

Taoufik Gargouri, della National Agency for Environmental Protection, ha confermato che un gruppo di esperti sta indagando sull’origine e le possibili conseguenze.

Ma qualcosa non torna. Morched Garbouj, ingegnere che si occupa di difesa ambientale, ha espresso sorpresa per i commenti di Gargouuri, raccontando invece che i residenti non avevano notato alcuna attività ufficiale nel luogo della fuoriuscita, prima della loro denuncia. Garbouj ha spiegato che la perdita avrà un effetto dannoso sulla vita dell’isola:

“Questa è una crisi nazionale e deve essere considerata come tale dalle autorità”.

Il Ministro dell’ambiente Nejib Derouiche ha visitato la zona e ha chiesto al governatore dell’isola di organizzare una riunione d’emergenza della Commissione ambiente regionale per cercare di contrastare la perdita.

Tutto questo accade a meno di un mese dalla nostra chiamata alla urne, per il referendum sulle trivelle. Gli incidenti legati al petrolio e le loro conseguenze non sono poi così rari e lontani da noi.

Il Coordinamento Nazionale NoTriv ha ribadito che non esistono progetti petroliferi immuni dal rischio di incidenti rilevanti.

“Anche se le dinamiche non sono ancora chiare, questo incidente ci dimostra non solo che è importante andare a votare ma che occorre portare la questione nelle reti europee, aprendo un tavolo di confronto con i Paesi del Mediterraneo” ha detto il costituzionalista Enzo Di Salvatore.

“Un incidente scomodo a pochi giorni dal referendum del 17 aprile sulle trivellazioni in mare nel nostro Paese e passato in sordina: una marea nera che si è riversata domenica 13 marzo sulle coste delle isole Kerkennah, nella regione di Sfax in Tunisia. Legambiente chiede al Governo di intervenire affinché si faccia chiarezza sull’entità dei danni e sulle responsabilità” ha detto Legambiente.

Guarda i video:

 

Pubblicato da Aahmed Taktak su Domenica 13 marzo 2016

 

TPS Kerkennah maree’ noireكارثة بيئية في قرقنة”بترول تسرب من جعبة مكسرة” ذالك ما يقوله موظف في شركة TPS, وشهود عيان على الأرض، ويقولون أيضا “أن الوضع تحت السيطرة في هذه المرحلة”، ندعو شركة TPS إلى تحمل مسؤولياتها و الاعلان رسميا عن ما حدث على الفور، ونعتبر هذا تطور خطير جدا واهالي قرقنة كلهم يتابعون ما يجري بقلق كبير!Video par M. S

Pubblicato da Kerkennah Pour Tous su Lunedì 14 marzo 2016

Per la presidente Rossella Muroni “non occorrono incidenti del genere per dimostrare che le attività di ricerca e di estrazione di idrocarburi possono avere un impatto rilevante sull’ecosistema marino – commenta- ma questi episodi drammatici fanno purtroppo da ulteriore monito sulle possibili conseguenze delle attività delle piattaforme”.

E c’è ancora chi si ostina a dire che trivellare è un bene, che non bisogna andare alle urne e che occorre votare No per salvare posti di lavoro. A che prezzo? E a favore di chi? Di certo non dei cittadini e del nostro mare…

Articolo di: Francesca Mancuso – Fonte

Bruxelles: verità o False Flag – giudicate voi [Video]

Il filmato dell’attentato terroristico a Bruxelles avvenuto la mattina del 22 Marzo 2016, che i mass media hanno messo in circolazione sembra essere un bufala, e lo dimostrano le immagini che andrete a vedere nel video sottostante.

Sul notiziario Sky TG24, i giornalisti si ritrovano a commentare un video il nostro collega blogger di Anahera.news, dopo una semplice ricerca nel web scopre che si tratta di una registrazione di un evento successo nel 2011

I giornalisti mentre commentano il video affermano anche di intravedere il terrorista suicida, addirittura sostengono che ci sia un testimone oculare che ha sentito urlare qualcosa in arabo.

Peccato però che il il filmato che sta spopolando su tutti i canali di informazione, sia la ripresa di un circuito di sorveglianza dell’aereoporto di MOSCA risalente al 24 gennaio del 2011, dove un ceceno (I CECENI NON PARLANO ARABO!) si sia fatto esplodere.

Vorrei mettere una piccola nota in merito, nello stesso giorno in Iraq, gli americani hanno bombardato l’università di Mossul uccidendo 50 civili e ferendone 87, lascio giudicare a voi il sistema di diffusione dei mass media.

Universita di mosul

Il nostro stimato collega non contento, ha continuato a scavare scoprendo che la seconda esplosione in Metropolitana… Non vi vogliamo rovinare la sorpresa, ma rimarrete di stucco, guardate il video, di cui chiediamo la massima diffusione:

 

Manipolazione realtime delle espressioni facciali [VIDEO]

Avete mai sentito parlare di Cattura e manipolazione istantanea delle espressioni del viso attraverso le registrazioni video RGB?

Leggi tutto “Manipolazione realtime delle espressioni facciali [VIDEO]”

CHIODI E UN LIMONE, Trucco che potrebbe SALVARTI LA VITA un giorno – Guarda il VIDEO

Fuoco da un limone2

Il ragazzo nel video è il proprietario del canale NorthSurvival, svela un “trucco” per accendere un fuoco senza una fonte di calore vicina, dimostrando come si può accendere un fuoco con un limone, sei chiodi di zinco, sei ganci di rame, del filo di ferro e della carta igienica.

Palazzo Italia: gru, calcinacci, zero arredi Così appare il fiore all’occhiello di Expo

Expo 2015, dentro il cantiere di Palazzo Italia a nove giorni dal via (22/04)

A pochi giorni dall’inaugurazione di Expo il Primo maggio, si vedono calcinacci ovunque, tra gru e operai al lavoro. Varcando la soglia di Palazzo Italia, fiore all’occhiello del paese ospitante, ad accoglierci c’è solo la gigantesca struttura, il resto è ancora ‘work in progress’. Gli enormi pannelli sono stati sistemati, e cinque uomini si apprestano a rendere agibile il piano superiore, mentre i servizi igienici sono ancora in fase di realizzazione. “Qua faranno una grande figura di merda. Ti sembra normale che a una settimana dall’inizio sia tutto ancora così?”. Non ha mezze misure, Luca (nome di fantasia), addetto che ci accompagna all’interno del mega cantiere di Expo a Rho. E a guardare l’avanzamento dei lavori le perplessità sono molte. All’esterno dell’enorme stand tricolore, il manto stradale è ancora tutto da asfaltare: “Ci vorrà almeno una settimana”, sentenzia Luca senza incertezze. Passeggiando tra i tanti padiglioni, ci si imbatte in grandi buche rotonde: “Devono ancora piantate gli alberi”, osserva Luca. E mentre passiamo tra le ruspe, amaramente dichiara: “Non ce la faranno mai. Una volta finito, devono portare via tutta la merda che rimane”, dice riferendosi ai troppimateriali di scarto, rifiuti e calcinacci disseminati ovunque. Altra nota dolente, poi, la sicurezza. E’ noto che i collaudi saranno sostituiti da autocertificazioni. “Bisogna solo essere ottimisti e sperare che non crolli nulla”. Perché se il mondo è stato creato in sette giorni, per l’Expo sembrano davvero troppo pochi  di Valerio Lo Muzio.

FONTE ARTICOLO E VIDEO: http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/04/24/expo-ecco-il-cantiere-di-palazzo-italia-laddetto-pronti-sara-una-figura-di-merda/364088/