Immigrazione, Ucoi: “Ricorsi in Italia e Ue contro l’espulsione degli islamici”

Gli islamici che vivono in italia non hanno accettato le espulsioni dei loro “fratelli” accusati di terrorismo.Cattura

Così adesso promettono battaglia e ricorsi in tribunale per farli rientrare. “Ci saranno ricorsi in sede italiana ed europea affinchè ai presunti terroristi espulsi dall’Italia sia garantito un giusto processo. Non è compito dell’Ucoi, ma abbiamo notizia che sul territorio associazioni di diritti civili si impegneranno in quella direzione perchè a nostro avviso non sempre lo stato di diritto è stato rispettato”, ha annunciato Izzedine Elzir presidente Ucoi, intervistato da Klaus Davi, conduttore di KlausCondicio.

“Ripeto non sarà l’Ucoi, ma associazioni di volontariato che faranno valere lo stato di diritto”, ha aggiunto. Insomma espellere dal nostro paese chi pianifica attentati o ha rapporti con cellule jihadiste sarebbe un “atto di ingiustizia”. Ma la mossa dell’Ucoi non è l’ultima su questo fronte. Solo qualche giorno fa Oussama Kachia, il trentenne marocchino residente nel Varesotto espulso da Alfano per le dichiarazioni su Facebook a favore dell’Isis e che aveva rivolto minacce pesanti a Il Giornale, ha presentato ricorso contro il provvedimento di espulsione. In questo momento l’uomo si trova in Marocco, ma il suo avvocato ha già presentato ricorso al Tar del Lazio.

FONTE: http://www.ilgiornale.it/news/cronache/immigrazione-ucoi-ricorsi-italia-e-ue-contro-lespulsione-1120714.html